AUTORE/COMPOSITORE

Occorre premettere che quasi sempre le immagini presenti sulla Rete sono ottimizzate per la visualizzazione "a schermo", ovvero hanno una risoluzione troppo bassa, meno di un terzo di quella necessaria per la stampa. 
Non è facile definire quale legislazione si applichi a Internet; supponendo che si applichi la legge Italiana, la questione ritorna sul contenuto della foto.
La distinzione di fondo è fra foto artistiche e mere foto. 
La foto artistica è protetta (diritti economici) per 70 anni fin dopo la morte dell’ autore (i diritti morali non scadono). Non è chiara la definizione di “foto artistica”. Per semplificare, possiamo definirla come la foto con cui l’autore (fotografo) esprime una sua creazione. Si tratta quindi di una foto in cui il fotografo “mette in posa le persone” o “crea situazioni che altrimenti non si sarebbero verificate”. 
Le mere foto, invece, si dividono in varie tipologie (art. .87 l.d.a.): 
foto o immagini di persone o di aspetti, elementi o fatti della vita naturale; 
foto o immagini di persone o di aspetti, elementi o fatti della vita sociale; 
foto di opere d’arte; 
i fotogrammi delle pellicole cinematografiche. 
Tali foto sono protette fino a 20 anni dalla produzione della foto a condizione che riportino le seguenti indicazioni (art. 90 l.d.a.): 
1. il nome del fotografo, o, nel caso previsto nel primo capoverso dell’art. 88, della ditta da cui il fotografo dipende o del committente; 
2. la data dell’anno di produzione della fotografia; 
3. il nome dell’autore dell’opera d’arte fotografata (nel caso in cui si tratta di opera d’arte). 
Se non sono riportate tali indicazioni la loro riproduzione non è considerata abusiva e non sono dovuti i compensi relativi (art. 90 l.d.a.). 
In generale, se si vuole usare una foto presa da internet si dovrebbero guardare le disposizioni di “copyright” o i “disclaimer” del sito. 
Nei casi dubbi si può richiedere una autorizzazione al gestore del sito, anche con una semplice e-mail. 
In ogni caso sarebbe opportuno citare la fonte. 
Quanto durano i diritti di utilizzazione economica dell’opera? 
Regola generale: 70 anni dalla morte dell’autore; 
opere in comunione: 70 anni dalla morte dell’ultimo coautore sopravvissuto;
opere drammatico musicali, coreografiche e pantomimiche: 70 anni dalla morte dell’ultimo coautore sopravvissuto; 
opere collettive: 70 anni dalla prima pubblicazione dell’opera come un tutto;
opere anonime o pseudonime: 70 anni dalla prima pubblicazione dell’opera;
amministrazioni dello Stato: 20 anni dalla prima pubblicazione; 
opere pubblicate per la prima volta dopo la morte dell’autore: 70 anni dalla morte dell’autore; 
opere cinematografiche: 70 anni dalla morte dell’ultimo coautore; 
opere fotografiche: 70 anni dalla morte dell’autore. 
Scaduti i diritti di utilizzazione economica, l’opera è di pubblico dominio 

© 2017 by Blue Art

P.zza Leopardi n.2 - Osimo (AN)

P. IVA 02782320424

PEC: blueart.ancona@pec.it

  • Instagram Social Icon
  • w-facebook